Martedì, 17 Settembre 2019 14:30

Server LTSP con Ubuntu 12.04 x64 (64bit) con client thin x86 (32bit)

Written by
Rate this item
(0 votes)

Con questa guida vi faro vedere passo per passo come creare un server tramite l'interfaccia grafica e terminale:

A cosa serve: Ti permette di creare un terminal server con un interfaccia grafica, al contrario di un classico dominio questo vi permette di eseguire tutto sul server, senza aver bisogno di installare un sistema, è possibile personalizzarlo in qualsiasi modo, dall'interfaccia grafica ai software installati all'inteno.

In pratica, prendiamo il nostro vecchio computer (con almeno 200mhz di processore e 128mb di ram), gli impostiamo/abilitiamo dal bios il boot da LAN in PXE per avviare il sistema dal server, in caso il computer fosse sprovvisto di questa funzione, esistono programmini come DRBL (uno dei tanti) che vi permette tramite cd-rom di avviare il boot tramite LAN. Addirittura i client non necessitato di hard disk. Per fare un esempio di utilizzo, utile per le scuole/università, perché no, per lavoro e anche per un internet point.

Requisiti:

- Ubuntu 12.04.3 i386
- Un computer con processore Intel
- Connessione Intenet
- Switch Eternet
- Un vecchio computer da utilizzare come test oppure una macchina virtuale (VitualBox / VMware)

Procedimento:

*Premetto che il computer utilizzato da server è un Intel dual core 2,66 Mhz con 8gb di ram ddr2, scheda video Nvidia e 320gb di Hard Disk.

- Per installare Ubuntu ho utilizzato una chiavetta usb (almeno da 1gb), per crearla potete utilizzare Universal-USB-Installer (devo ammettere che è il miglior programma che abbia usato per la creazione di usb da iso linux).

Una volta che avviamo la chiavetta, installiamo Ubuntu, a vostra discrezione se installarlo su tutto hard disk o meno. Seguite il processo di installazione fino alla fine, dopo il riavvio fate l'accesso.

Sul computer che userò come esempio ho due schede di rete, la prima è collegata a internet, la seconda e quella che useremo per la gestione dei client (collegata al nostro switch) , in questa guida vi farò vedere come creare un server TLSP con il servizio di server DHCP (in questo modo andremo a separare la nostra rete interna da quella dei client thin).

La scheda di rete collegata a internet è indentificata dal sistema come eth0
La scheda di rete da configurare per gestire i client thin è indentificata dal sistema come eth1 (attenzione, le immagini seguenti mostrano la configurazione sulla eth0, questo perché è stata usata la wireless come connessione a internet, dunque impostate eth1 per rispettare questa guida).


In alto a destra, clicchiamo sull'icona che rappresenta la connessione, clicchiamo su "Modifica connessione",si visualizzerà la seguente finestra:

Modifichiamo la seconda scheda di rete, clicchiamo sulla linguetta "IPv4....", al posto del metodo "Automatico" impostiamo "Manuale".

Aggiungiamo Ip fisso:
Indirizzo: 192.168.1.1
Netmask: 255.255.255.0
Gateway: 0.0.0.0

DNS Server: 192.168.1.1

Rappresentato nell'immagine seguente:

 

Ora apriamo il terminale:
*Se è una nuova installazione impostate la password di root (super admin) scrivendo sudo passwd , inserite la vostra password, in seguito inserite la password da utilizza per il profilo root  (con la conferma di password).

Digitiamo quanto segue (il rappresenta il simbolo dopo il quale inseriamo i comandi, presente anche nel terminale) :

# su (inseriamo di seguito la password impostata per l'utente root)
# nano /etc/network/interfaces

Modificare il file come rappresentato in seguito:

Ctrl+O per Salvare
Ctrl+X per  Uscire

Per qualche misteriosa ragione, se si immette l'indirizzo IP manualmente nel file interfaces, Network Manager li ignora e non è possibile utilizzarlo per il controllo ulteriori schede / interfacce. Quindi dobbiamo abilitarlo.

# nano /etc/NetworkManager/NetworkManager.conf
Modificare il valore "managed=false" in "managed=true" come mostrato nella seguente immagine:

Ctrl+O per Salvare
Ctrl+X per  Uscire

# apt-get install ltsp-server-standalone openssh-server
Confermiamo l'installazione

Ora che abbiamo installato il servizio LTSP configuriamolo:

# nano /etc/ltsp/dhcpd.conf

Modifichiamo i valori come nell'immagine sottostante:

Ctrl+O per Salvare
Ctrl+X per  Uscire

Ora configuriamo il servizio DHCP sulla scheda di rete che ci interessa.

# nano /etc/default/isc-dhcp-server

Modifichiamo il valore INTERFACES="" in INTERFACES="eth1" come mostrato nell'immagine seguente:

Ctrl+O per Salvare
Ctrl+X per  Uscire

# /etc/init.d/isc-dhcp-server restart

Ora generiamo l'immagine:

# ltsp-build-client --arch i386
* l'aggiunta di --arch i386 serve per creare un'immagine per processori 32bit, se non si inserisce, andrà a creare un immagine per processori 64bit

# reboot
* dopo il riavvio ri-aprire il terminale:

Ora impostiamo l'account Admin/Root per i client LTSP, naturalmente al posto di adminname inseriamo il nome che preferiamo:

# sudo -s -H
# chroot /opt/ltsp/i386
# useradd -m adminname -G sudo
# passwd adminname
* inseriamo la password desiderata
# exit
# exit

*Attenzione, sembra che non faccia nulla, ma in realtà è il contrario

Fissiamo la password:

# su
* inseriamo la password di root 

# chroot /opt/ltsp/i386 passwd -l adminname

Ora aggiorniamo l'immagine dei client:

# ltsp-update-image --arch i386

Ora impostiamo i vari utenti, questa parte la facciamo tramite l'interfaccia grafica, niente di più semplice:

Apriamo il pannello "Gruppi e utenti", per la creazione di un nuovo account:

Aggiungiamo un nuovo utente:

Diamoli un nome:

Ora impostiamo la password:

Una volta creato l'account andiamo nella impostazioni "Avanzate", clicchiamo sul secondo tab "Permessi/Autorizzazioni Utente":

Selezioniamo le opzioni come da immagine.

Confermiamo le impostazioni.

Ora siamo pronti a utilizzare i client.

Verifichiamo di aver collegato tutto:
- Colleghiamo il cavo dalla seconda scheda di rete allo switch.
- Colleghiamo un cavo dallo switch al nostro client.

* Per chi fosse esperto o smanettone potrebbe farlo con una macchina virtuale. 

Ora impostiamo sul nostro client l'avvio / boot tramite LAN, avviamo il computer e uala! La schermata di login, dove andremo ad accedere tramite l'account appena creato, fantastico....:

Conclusioni:

Ottimo sistema, ma secondo me poco sfruttato con una distribuzione ubuntu, vi spiego perché:
Con ubuntu è necessario avere dei client con un processore INTEL, una  cosa che limita molto l'utilizzo di questo sistema, per chi vuole seguire questa guida a titolo di studio è ottimo.

Per i motivi esposti ho deciso di passare a una distribuzione Debian, la quale ha maggior compatibilità con moltissimi processori e sistemi, al contrario di Ubuntu che potrebbe darvi delle grane, cercando in rete vi dico che tutto è possibile.
La guida è la stessa anche per Debian, ma è ancora in fase di test.

Questo sistema è bello perché permette di configurare il server per avere dei sistemi client che scaricano una base di sistema con la quale è possibile lavorare anche senza il collegamento al server, ma per questo devono essere provvisti di hard disk, proprio come un dominio.

Infatti dovendo usare questo sistema con dei pc vecchi sprovvisti di processori INTEL ho avuto tanti disagi.

Link guida originale

Read 197 times Last modified on Martedì, 17 Settembre 2019 16:25
Vlady

Gamer e appassionato di computer.

 

 

www.thesit.eu

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Ultimi commenti

Ultimi Articoli